Comunicato FNOMCeO del 30/11/2018

Comunicato FNOMCeO del 30/11/2018

Cari/e Colleghi/e

La FNOMCeO ha inviato a tutti gli Ordini Provinciali dei Medici Chirurghi e Odontoiatri i dati relativi ai crediti formativi conseguiti, nel triennio 2014-2016, da medici e odontoiatri.

I dati evidenziano come quasi la metà (circa il 50%) degli iscritti non sia in regola con l’obbligo formativo per tale periodo. Per questo motivo il Presidente della nostra Federazione Nazionale Filippo Anelli ha inviato una comunicazione a tutti i 106 Presidenti Provinciali con l’invito a mettere in atto tutte le iniziative necessarie per sollecitare i colleghi ad allinearsi con l’obbligo formativo.

È giusto ricordare che l’aggiornamento e la formazione continua sono requisito fondamentale e indispensabile per l’esercizio della professione medica e odontoiatrica come disposto dal decreto legislativo in tema di “riordino della disciplina in materia sanitaria” (D.lgs. 502/92, art. 16-quater) e come previsto dall’art. 19 del nostro Codice di Deontologia Medica.

Inoltre l’accordo sancito in sede di Conferenza Stato-Regioni sul tema della Formazione Continua (G.U. n.274 del 23.11.2017, art. 21) riconosce agli Ordini professionali e alle rispettive Federazioni anche la funzione di controllo dell’obbligo formativo dei propri iscritti.

Per tali motivi ogni professionista, medico e odontoiatra, dipendente, convenzionato e/o libero professionista, è tenuto a rispettare l’obbligo formativo non solo perché previsto dalle normative vigenti, ma anche per un costante aggiornamento professionale a garanzia del cittadino.

In particolare, il mancato adempimento dell’obbligo formativo, può avere ricadute contrattuali per dipendenti e convenzionati e può, per tutti i medici e odontoiatri, anche liberi professionisti, essere oggetto di valutazioni in ambito deontologico anche in relazione a eventuali contenziosi giudiziari.

Alla luce di queste premesse e per effetto della recente Delibera della Commissione Nazionale ECM del 27 settembre 2018, si precisa che:

  • per chi non avesse soddisfatto nel triennio 2014-2016 l’obbligo formativo (al netto delle esenzioni e degli esoneri) esiste la possibilità di poter recuperare tutti i crediti mancanti trasferendoli da quelli acquisiti nel triennio in corso 2017-2019;
  • la percentuale di crediti formativi acquisibili mediante autoformazione è stata ampliata dal 10% al 20% per il triennio 2017-2019;
  • agli Ordini Professionali spetta il controllo del debito formativo dei propri iscritti, che può essere sempre esercitato in diverse circostanze anche nell’ambito di altri interventi disciplinari; pertanto è stato deliberato che annualmente venga inviato un resoconto dal Co.Ge.A.P.S. agli Ordini provinciali e alla Federazione per monitorare l’assolvimento dell’obbligo formativo da parte degli iscritti.

Medici e odontoiatri sono quindi invitati ad ottemperare al proprio debito formativo sia per il triennio 2014-2016 sia per quello 2017-2019 entro il 31 dicembre 2019, onde evitare di incorrere in possibili accertamenti di tipo amministrativo da parte degli enti di appartenenza, accertamento comunque possibile in qualsiasi momento.

Si ricorda ai colleghi che possono fruire delle diverse tipologie di esenzione (ad esempio per corsi di specialità, formazione specifica in medicina generale, master, ragioni di salute, gravidanza, ecc…), che l’esonero non è automatico, essendo necessaria la registrazione di tale condizione sul sito del Co.Ge.A.P.S. (http://application.cogeaps.it/cogeaps/login.ot ) accedendo alla propria area riservata.

Per conoscere la propria situazione formativa è sufficiente consultare il sito della Co.Ge.A.P.S. previa registrazione on line al seguente link http://application.cogeaps.it/cogeaps/chooseRegistrazione.ot

Si invitano, pertanto, tutti gli iscritti a rispettare quanto indicato in questa informativa onde evitare di incorrere in future possibili azioni sanzionatorie.

La Federazione Regionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Articoli correlati