Quota 100: è fuga per medici e infermieri. Ecco i numeri

Quota 100: è fuga per medici e infermieri. Ecco i numeri

Sono già migliaia i medici, gli infermieri e gli altri operatori che hanno lasciato il lavoro prima del previsto approfittando di ‘Quota 100’, e il trend rischia di svuotare gli ospedali, con effetti sulle prestazioni.

A lanciare l’allarme è la Fiaso, la federazione delle aziende ospedaliere, che ha esposto il problema anche durante il tavolo di confronto sul Patto per la Salute.

“Quota 100 rischia di far aumentare del 24% i pensionamenti anticipati del personale sanitario – ha sottolineato il presidente Carlo Ripa di Meana – accentuando le criticità già esistenti e mettendo in discussione l’offerta assistenziale, al punto da porre le aziende sanitarie nella condizione di dover individuare soluzioni per scongiurare l’interruzione di pubblico servizio”.

Dai dati, frutto di un’indagine condotta dalla stessa Federazione su oltre il 50% delle aziende sanitarie pubbliche, è emerso un significativo aumento dei prepensionamenti in particolare tra gli amministrativi (+33%), gli operatori socio-sanitari (+26%) e gli infermieri (+20%), con una adesione rilevante a “Quota 100” anche dei medici (+16%).

Prosegui la lettura su DottNet.

Fonte: DottNet 11 Luglio 2019

 

Articoli correlati